Assistenza sanitaria integrativa, infortuni ed invalidità permanente, morte ed invalidità permanente da qualsiasi causa, Long Term Care.

 
 

 

Scopri l'APP del Fondo Assistenza Previdir per smartphone e tablet
  

 

 
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Modulistica
>
>
>
>

 








Seguici

Facebook
Twitter

 
Risoluzione dell’ Agenzia delle Entrate sulle polizze di assistenza sanitaria
   

L’Agenzia delle Entrate, Direzione regionale della Lombardia, ha risposto ad un interpello riguardante gli aspetti fiscali di una polizza assicurativa per coprire prestazioni di assistenza sanitaria. Nella fattispecie, veniva chiesto se una copertura assicurativa di assistenza sanitaria, offerta alla generalità dei dipendenti o di categorie di dipendenti, potesse godere del regime di esclusione fiscale quale reddito di lavoro dipendente ai sensi dell’art. 51, comma 2, lettera f), del TUIR.

Prima di illustrare la risposta dell’Agenzia delle Entrate, si segnala una vecchia circolare dell’Amministrazione Finanziaria, la n. 326 del 23/12/1997, la quale al punto 2.1 fa una precisa elencazione di quali siano le somme e valori che sono soggette ad imposizione in quanto riconducibili al rapporto di lavoro. Tra questi elenca i premi, pagati dal datore di lavoro, per assicurazioni sanitarie, sulla vita e sugli infortuni extra-professionali.

La Legge di Bilancio, approvata a dicembre 2016, ha introdotto sostanziali novità relativamente alla redditualità del lavoratore dipendente, in particolare su aspetti concernenti i sistemi di welfare aziendale e flexible benefit; la suddetta legge ha infatti introdotto la lettera f-quater) al comma 2, articolo 51, Tuir, nella quale vengono considerati esenti anche i contributi e i premi versati dal datore di lavoro a favore della generalità dei dipendenti o di categorie di dipendenti per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana o aventi per oggetto il rischio di gravi patologie.

Tornando alla polizza sanitaria, essa prevede per i beneficiari e i loro familiari esclusivamente prestazioni di servizi da parte di strutture sanitarie convenzionate senza alcun risarcimento e/o rimborsi di spese per prestazioni. Quindi, al fine di godere delle agevolazioni fiscali (non assoggettabilità a tassazione in capo al dipendente del premio pagato dal datore di lavoro), è necessaria la sottoscrizione di specifiche polizze di assistenza sanitaria in forma diretta.

Non è stata di questo parere l’Agenzia delle Entrate affermando che in questo caso risulta inapplicabile il regime di esclusione da tassazione sul reddito di lavoro dipendente. Infatti, secondo l’Agenzia, i premi assicurativi sono posti a carico del datore di lavoro ed i dipendenti coinvolti dal rapporto assicurativo non sono contraenti  ma terzi assicurati, motivo per il quale il premio pagato dal datore di lavoro in nome e per conto di ciascun dipendente-assicurato costituisce reddito tassabile quale “benefit” percepito in relazione al rapporto di lavoro.


FONDO ASSISTENZA PREVIDIR
Sede legale c/o Unindustria Unione degli Industriali
e delle Imprese di Roma - Frosinone - Latina - Rieti – Viterbo
Via Andrea Noale, 206 - 00155 Roma
Sede operativa: Via Zoe Fontana, 220 – 00131 Roma
Tel. 06.2295693 Fax 06.22799725 C.F. 97168520589 
E-mail: fondo.assistenza@previdir.it

Informativa Cookies | All rights reserved 2019 - © Copyright ARS2