Obiettivo generale del documento elaborato dall’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri – Italian Thoracic Society e dalla Società Scientifica dei Medici di Medicina Generale è quello di offrire ai professionisti sanitari uno strumento che li possa aiutare a orientarsi nella gestione dei pazienti affetti da Covid-19, così come supportare nella collaborazione multidisciplinare fra specialista e medico di medicina generale. Il gruppo di esperti Aipo-Its/Metis sottolinea infatti, più volte all’interno del lavoro, l’importanza di una interazione virtuosa tra ospedale e territorio.

L’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri – Italian Thoracic Society (AIPO-ITS) e la Società Scientifica dei Medici di Medicina Generale (METIS) hanno messo a punto un nuovo documento dal titolo “La gestione della malattia Covid-19” con l’obiettivo di offrire ai professionisti sanitari uno strumento che li possa aiutare a orientarsi nella gestione dei pazienti affetti da Covid-19, così come supportare nella collaborazione multidisciplinare fra specialista e medico di medicina generale.

Il gruppo di esperti Aipo-Its/Metis sottolinea infatti, più volte all’interno del lavoro, l’importanza di una interazione virtuosa tra ospedale e territorio. Si parte dalla diagnosi differenziale dei pazienti con sospetta infezione da Sars-CoV-2 per poi analizzare le differenti caratteristiche dei test diagnostici ad oggi disponibili per la rilevazione dell’infezione.

Vengono poi presentate proposte per il realizzarsi di una efficace collaborazione fra ospedale e territorio che richiede una valutazione dei casi volta a stratificare la gravità della malattia. In questo ambito vengono inoltre proposti criteri di dimissibilità in base alle condizioni cliniche e, nel caso della dimissione domiciliare, definite le modalità di presa in carico più idonee a garantire la continuità delle cure. Inoltre si è voluto sottolineare il contributo che l’uso dei dispositivi digitali possono apportare al monitoraggio a distanza dei pazienti in questo come in altri quadri di patologia, in particolare nella assistenza domiciliare e della diagnostica “bed-side”.

Vengono inoltre descritti i principali fattori di rischio, perlopiù rappresentati da comorbilità, che possono compromettere una prognosi favorevole di malattia in caso di infezione da Sars-CoV-2.

Gli autori del documento forniscono utili indicazioni circa la gestione terapeutica di pazienti con infezioni respiratorie croniche e/o con comorbilità presso l’ambulatorio del medico di medicina generale, nonché la gestione terapeutica del paziente ospedalizzato e del paziente dimesso dopo Covid-19. Vengono inoltre descritte e definite le caratteristiche generali di pazienti, con infezione da Covid-19, che possono essere trattati a domicilio.

Vi è poi un paragrafo dedicato all’importanza delle vaccinazioni antinfluenzali e pneumococcica così come una sezione sull’ossigenoterapia e i supporti ventilatori.

 

Fonte: Il Fatto Quotidiano

2021-01-21T16:37:39+00:00
Torna in cima