La lingua da Covid, un nuovo sintomo del coronavirus?

Può provocare ulcere, gonfiori e, in alcuni casi, anche chiazze biancastre. È un’infiammazione della lingua, appena soprannominata lingua da Covid, che potrebbe rientrare ora nel già lunghissimo elenco di sintomi provocati dal coronavirus. E, in particolare, dei sintomi dermatologici già descritti in numerosi studi precedenti, alcuni dei quali non sono ancora riconosciuti ufficialmente. Secondo una analisi del King’s College di Londra, infatti, il 21% dei pazienti affetti dalla Covid-19 che sta usando una specifica app per smartphone nell’ambito del progetto Covid Symptom Study, che permette a milioni di persone del Regno Unito di segnalare i sintomi dell’infezione per capire quelli più comuni, ha riferito di aver sviluppato sintomi dermatologici. Tra questi, appunto, c’è anche la lingua da Covid, in gergo tecnico la glossite, che fino ad oggi era stata considerata molto rara.

Sempre più casi di lingua da Covid

A raccontarlo con un post sul suo profilo Twitter è stato Tim Spector, epidemiologo del King’s College di Londra, che per farci capire meglio cosa sia la lingua da Covid, ha condiviso una foto con un commento in cui evidenzia come questa sintomatologia oggi sia più diffusa tra i pazienti positivi al coronavirus. “Una persona su cinque con Covid presenta sintomi meno comuni che non figurano nell’elenco ufficiale della Public Health England, come le eruzioni cutanee”, si legge nel post. ”Stiamo osservando un numero crescente di casi di lingua da Covid e strane ulcere alla bocca. Se avete sintomi strani o anche solo mal di testa e stanchezza rimanete a casa!”

I sintomi del coronavirus

Oltre ai polmoni, sappiamo ormai bene che il coronavirus attacca molti organi e tessuti dell’organismo. La gamma di sintomi dell’infezione è, quindi, vastissima e molto diversificata. Per i sintomi della pelle, ad esempio, molto studi precedenti hanno evidenziato tra i più comuni i rash cutanei simili all’orticaria, vescicole che assomigliano a quelle della varicella, labbra infiammate, e le ormai conosciute dita da Covid, eruzioni cutanee che assomigliano ai classici geloni delle dita dei piedi e delle mani.

Tuttavia, la comunità scientifica non è ancora riuscita a trovare una spiegazione definitiva a queste eruzioni cutanee: tra le ipotesi, per esempio, c’è quella che questi rash siano sintomi direttamente collegati al coronavirus e alla sue complicanze, o che, invece, siano causate da reazioni farmacologie o da altre patologie infettive. Come conclude l’esperto, in questo caso specifico, “la lingua da Covid può essere associata a una serie di malattie, ma ora viene segnalata insieme al coronavirus e può durare settimane o mesi”.

 

Fonte: Galileo

2021-01-24T17:59:21+00:00
Torna in cima