«Una nuova ricerca pubblicata a novembre 2020 su Mayo Clinic Proceedings rileva che i bambini di età inferiore ai due anni, ai quali vengono somministrati antibiotici, hanno maggiori probabilità di andare incontro ad una serie di malattie o condizioni patologiche nel corso della vita».

Il lavoro pone in evidenza che ad alte dosi di antibiotici corrispondono maggiori probabilità di avere asma, eczema, raffreddore da fieno, allergie alimentari, celiachia, problemi di peso e obesità e disturbo da deficit di attenzione e iperattività più avanti nell’infanzia.

I ricercatori del ‘Mayo Clinic’s Center on Aging’ hanno analizzato i dati di oltre 14.500 bambini che fanno parte del Rochester Epidemiology Project, uno studio a lungo termine che analizza le cartelle cliniche dei volontari in Minnesota e Wisconsin. Circa il 70% dei bambini dello studio ha ricevuto almeno un antibiotico; la maggior parte di questi ha ricevuto più antibiotici.

“Tra i bambini che hanno ricevuto una o due prescrizioni, solo le ragazze erano a rischio significativamente più alto di sviluppare asma e celiachia rispetto a quelli non esposti”, ha scritto l’autore senior dello studio, Nathan LeBrasseur e il suo team.

“Al contrario, ricevere da tre a quattro prescrizioni di antibiotici è stato associato a una maggiore incidenza di asma, dermatite atopica e sovrappeso in entrambi i sessi, ADHD e celiachia nelle ragazze e obesità nei ragazzi”.

I bambini di entrambi i sessi che hanno ricevuto cinque o più prescrizioni di antibiotici avevano “significativamente più alto rischio di sviluppare asma, rinite allergica, sovrappeso, obesità e ADHD. Le ragazze erano a più alto rischio di celiachia.

 

LEGGI TUTTE LE ALTRE NEWS

 

2020-12-12T16:36:16+00:00
Torna in cima