Previdir ha messo a punto un Programma Infortuni, realizzato grazie alla collaborazione con la Compagnia ELIPSLIFE, dedicato ai soli Dirigenti del Commercio, a seguito dell’aumento di contribuzione al Fondo Antonio Pastore per l’introduzione della nuova garanzia “Infortuni professionali ed extra professionali” per l’annualità 2022.

Il Programma è rivolto ai datori di lavoro che, dovendo obbligatoriamente aderire alla soluzione prospettata dal Fondo Antonio Pastore, a far data dal 01 gennaio 2022, potrebbero necessitare di implementazioni ed integrazioni per assolvere compiutamente agli obblighi previsti dal CCNL Dirigenti del Commercio.

Il Fondo Antonio Pastore ha infatti tenuto a precisare che, con la Conv. 3175, i limiti assicurati (5 volte caso Morte con massimo € 750.000 e 6 volte caso Invalidità permanente con massimo € 900.000) potrebbero non essere adeguati all’adempimento degli obblighi previsti dal CCNL, con la conseguenza di lasciare in capo ai datori di lavoro l’incombenza di provvedere all’attivazione di coperture assicurative integrative, soprattutto nel caso di R.A.L. superiore a € 150.000,00.

Il Programma Infortuni DIRIGENTI COMMERCIO di Previdir si articola in 3 diverse soluzioni adattabili alle diverse esigenze:

Previdir offre alle Aziende del Commercio, una copertura autonoma, nel pieno rispetto del disposto dell’articolo 18 del CCNL, in aggiunta a quella messa a disposizione, obbligatoriamente, dal Fondo Antonio Pastore.

In questo caso rimarrà inalterato il tasso della Convenzione Previdir in corso se trattasi di Azienda già iscritta.

La gestione del sinistro PREVIDIR sarà completamente autonoma rispetto alla gestione dello stesso da parte del Fondo Antonio Pastore.

La copertura PREVIDIR opererà pertanto dalla “prima lira” e l’Assicuratore si asterrà dal contestare l’eventuale cumulo di capitale tra la copertura Previdir e quella del Fondo Antonio Pastore.

Il riconoscimento del grado di invalidità non potrà essere inferiore al grado di Invalidità che verrà riconosciuto dal Fondo Antonio Pastore.

Nel caso in cui la liquidazione di Previdir avvenga prima della liquidazione da parte del Fondo Antonio Pastore e da quest’ultima emerga un riconoscimento di un grado IP superiore, rispetto a quello riconosciuto e liquidato da Previdir, l’Assicuratore di Previdir si impegna al pagamento dell’eventuale differenza, sempreché la definizione del sinistro da parte del Fondo Antonio Pastore avvenga entro 90 giorni dalla definizione del medesimo da parte di Previdir. 

Per il caso IP, per le somme assicurate eccedenti i 6 multipli di RAL, verrà applicata una franchigia del 10% relativa. Rimane fermo il limite massimo di € 2.500.000,00 per caso assicurato.

Previdir mette a disposizione delle Aziende un programma di copertura integrativa che opererà in aggiunta alla copertura infortuni Fondo Antonio Pastore, a tutela dell’eventuali differenze di capitali e/o di garanzie non coperte da quest’ultimo.

Nella gestione del sinistro Previdir sarà completamente autonomo rispetto alla gestione del sinistro da parte del Fondo Antonio Pastore.

La copertura Previdir opererà quindi per la somma di capitale eccedente la copertura del Fondo Antonio Pastore e dalla “prima lira” per eventuali garanzie non previste dal piano Fondo Antonio Pastore.

Il riconoscimento del grado di invalidità non potrà essere inferiore al grado di Invalidità che verrà riconosciuto dal Fondo Antonio Pastore. Pertanto la liquidazione di Previdir avverrà solo dopo la liquidazione da parte del Fondo Antonio Pastore e sempreché la definizione del sinistro da parte del Fondo Pastore avvenga entro 90 giorni dalla definizione del medesimo da parte di Previdir.

Qualora il sinistro sia assorbito completamente dalla copertura del Fondo Antonio Pastore, Previdir liquiderà una somma aggiuntiva pari al 30% dell’importo liquidato dal Fondo Antonio Pastore.

Con questa opzione, Previdir offre la possibilità all’Azienda di acquistare una copertura integrativa e complementare per i propri Dirigenti, in aggiunta a quella messa a disposizione, obbligatoriamente, dal Fondo Antonio Pastore, finalizzata a colmare le differenze di capitali eventualmente non coperte e per elevare i multipli di RAL rispetto a quelli previsti dal CCNL.

Nella gestione del sinistro Previdir sarà completamente autonomo rispetto alla gestione dello stesso da parte del Fondo Antonio Pastore.

La copertura Previdir opererà sia per la parte di capitale eccedente la copertura del Fondo Antonio Pastore che dalla “prima lira” per eventuali garanzie non previste dalla copertura Infortuni Fondo Antonio Pastore.

Il riconoscimento del grado di invalidità non sarà inferiore al grado di Invalidità che verrà riconosciuto dal Fondo Antonio Pastore. Nel caso in cui la liquidazione di Previdir dovesse avvenire prima della liquidazione da parte del Fondo Antonio Pastore e da quest’ultima emerga un riconoscimento di IP di grado superiore rispetto a quello riconosciuto e liquidato da Previdir.

L’Assicuratore di Previdir si impegna al pagamento dell’eventuale differenza, sempreché la definizione del sinistro da parte del Fondo Antonio Pastore avvenga entro 90 giorni dalla definizione del medesimo da parte di Previdir.

Per il caso IP, per le somme assicurate eccedenti i 6 multipli di RAL, verrà applicata una franchigia del 10% relativa. Rimane fermo il limite massimo di € 2.500.000,00 per caso assicurato.

Previdir, per fornire quotazioni personalizzate,  necessiterà di conoscere per ciascuna Vostra Azienda:

  • Retribuzioni annue lorde complessive
  • Numero di teste assicurate
  • Punte R.A.L. ovvero le teste che eccedono la R.A.L. convenzionale del Fondo contrattuale pari a € 150.000,00

Per maggiori informazioni potete rivolgervi a:

  • Elena Modestini – 329.6353846

o inviare una mail a area_tecnica@previdir.it alla c.a. Elena Modestini.

Come aderire al Fondo